concime di cenere

Usare la cenere come fertilizzante per concimare in maniera naturale

Utilizzare la cenere come fertilizzante, è un'ottima idea per concimare le nostre piante in maniera naturale. La cenere di legno infatti, è in grado di apportare al suolo molti elementi utili per la crescita di fiori e piante. in questo articolo vedremo come utilizzarla al meglio per concimare il nostro terreno.

Quale cenere scegliere

Non tutta la cenere è adatta ad essere utilizzata come fertilizzante. Solo la cenere di legno non trattato, sarà adatta allo scopo. Non andrà bene neppure la cenere derivante dalla combustione del pellet. Infatti, nella cenere derivante da qualsiasi altra cosa che non sia puro e semplice legno, saranno presenti degli elementi chimici, i cui residui, andrebbero a contaminare il nostro terreno.

Preparare un concime naturale a base di cenere

Preparare un fertilizzante naturale a base di cenere è molto semplice. Per prima cosa dovremo bruciare qualche pezzo di legno naturale non precedentemente trattato con agenti chimici e lasciarlo bruciare fino a quando non sarà completamente ridotto in cenere. La cenere così ottenuta va raccolta e lasciata a raffreddare in un contenitore di latta. In questo modo anche eventuali piccoli pezzi di legno ancora accesi avranno il tempo di consumarsi completamente e spegnersi. Quando la cenere sarà si sarà raffreddata, la passeremo al setaccio. Così facendo, otterremo della cenere pura e priva di corpi estranei. Ricordiamoci sempre di maneggiare la cenere indossando un paio di guanti in quanto leggermente caustica.

Quando concimare il terreno con la cenere

Il periodo migliore per concimare il terreno utilizzando la cenere come fertilizzante è la primavera. Dovremo scegliere una giornata di sole in cui vi è poco vento e il terreno appare completamente asciutto. La mancanza di umidità è un aspetto da tenere in grande considerazione, infatti, se la cenere si bagna, l'acqua laverà via molti dei suoi nutrienti.

Come concimare usando la cenere

Il modo migliore per concimare le nostre piante utilizzando la cenere come fertilizzante naturale, è quello di spargere la cenere direttamente con le mani in prossimità del fusto delle piante che vogliamo trattare, evitando di esagerare con le dosi. Ricordiamoci sempre che, la cenere di legno, è un fertilizzante a rapido rilascio e che, a causa del suo alto PH, tende ad alcalinizzare il terreno. Proprio per questo motivo, viene impiegata anche quando si vuole correggere un terreno troppo acido.

Quando non si deve usare la cenere come fertilizzante

Non sempre una concimazione a base di cenere risulterà benefica per le nostre colture e per il nostro terreno. Ci sono dei casi in cui bisogna evitare di utilizzarla come fertilizzante. Visto che la cenere ha un effetto alcalinizzante, se ne dovrebbe evitare l'impiego su terreni che presentano già un PH elevato. È questo il motivo per il quale, prima di procedere con una concimazione del terreno a base di cenere di legno, si dovrebbe sempre eseguire un test del suolo per misurarne il PH. Per fare ciò ci si può avvalere di appositi kit disponibili online a pochi euro.
Oltre ai livelli di PH del nostro terreno, prima di decidere di concimare con un fertilizzante naturale a base di cenere, ci si deve accertare che la coltura che andremo a coltivare sul suolo così arricchito, tragga beneficio dall'aggiunta di cenere. Esistono infatti molte piante che reagiscono male a una concimazione fatta con la cenere eccone alcune: patate, mirtilli, mirtilli rossi, rododendri, azalee, magnolie, pini, querce e l'elenco potrebbe continuare.