18
Lun, Ott

Come fare germogliare un seme di avocado

Frutta e Ortaggi

Come fare germogliare un seme di avocado, è la domanda che spesso ci si pone quando dopo aver mangiato il frutto, ci si trova con un nocciolo di avocado tra le mani. Anche se può sembrare facile ottenere un albero di avocado da seme, così non è se non si hanno le giuste accortezze. Vediamo allora come possiamo trasformare il nostro nocciolo in una bellissima pianta.

Preparazione del seme

Per far germogliare un nocciolo di avocado, bisogna prepararlo adeguatamente. Il seme, va estratto dal frutto facendo attenzione a non danneggiarlo e, successivamente, va pulito accuratamente, rimuovendo ogni residuo di polpa e asciugando fino a quando non sarà più viscido. Trascurare questo passaggio preliminare rischia di compromettere il risultato finale, in quanto, i residui di polpa, sono terreno fertile per la proliferazione di muffe e batteri, che possono danneggiare il nostro seme e ostacolarne la germinazione.

Posizionamento del nocciolo sull'acqua

supporto fatto con stuzzicadenti per seme di avocado

Per fare germogliare un seme di avocado, non basta buttarlo in acqua e aspettare. Un nocciolo immerso completamente in acqua, infatti, non germoglia ma marcisce. Per tale motivo, il secondo passo è quello di creare un supporto per il seme al fine di evitare che affondi completamente. Per fare ciò, fissiamo diversi stuzzicadenti nel punto più largo del nocciolo. Grazie al supporto creato, possiamo mantenere il seme in equilibrio sul bordo del recipiente facendo in modo che sia immerso per circa un centimetro in acqua, con la parte appuntita del seme rivolta verso l'alto, quindi all'asciutto. Assicuriamoci di mantenere sempre il livello dell'acqua costante, integrando il liquido che viene a essere assorbito dal seme o che finisce per evaporare. Quando aggiungiamo nuova acqua, dobbiamo stare attenti a non usare mai acqua fredda ma sempre tiepida.

Tempo di germinazione

Fare germogliare il seme estratto da un avocado richiede parecchio tempo, un seme di avocado, infatti, può impiegare fino a 6 settimane prima di germinare. Quando finalmente le radici e il fusto delle nuova piantina inizieranno a spuntare, dovremo attendere che quest'ultimo raggiunga una lunghezza di circa sei centimetri, quindi lo mozzeremo a metà della sua lunghezza. Questa operazione, ci permetterà di avere una pianta di avocado più robusta.

Trapianto in vaso

seme di avocado germogliato e trapiantato in vaso

Una volta che lo stelo si sarà di nuovo riempito di foglie dopo averlo tagliato, potremo piantare la giovane pianta in un vaso contenente terriccio sciolto e sabbioso. Quando si esegue il trapianto, si dovrebbe avere cura di coprire il nocciolo fino a metà altezza, lasciando che, la restante parte, sporga dal terreno.

Prendersi cura della giovane piantina

Per crescere rigogliosa, la giovante pianta di avocado, ha bisogno di annaffiature frequenti e leggere e di molta luce solare diretta. Bisogna tenere presente inoltre che, l'avocado, è una pianta che cresce in climi tropicali e sub tropicali. Dovremo quindi avere cura di non esporla a temperature troppo rigide e comunque mai al di sotto dei 4°C.

Trapianto in giardino

Una volta che il nostro albero di avocado sarà cresciuto un po', potremo trasferirlo dal vaso al giardino. È importante ricordare di eseguire il trapianto durante la stagione calda. Come detto, l'avocado, è una pianta che soffre molto il freddo. Scegliamo una zona del giardino con terreno ben drenante ed esposta ad abbondante luce solare diretta. Scaviamo una buca di di circa 90 cm di profondità per altrettanti di larghezza e impiantiamo il nostro nuovo albero.

Una volta trapiantato, l'albero di avocado, richiederà annaffiature leggere e frequenti. Se le foglie iniziano a diventare gialle, probabilmente sta ricevendo troppa acqua.

Continuiamo a prendercene cura e portiamo pazienza. Prima che il nostro giovane albero dia dei frutti, sarà necessario attendere dai 5 ai 13 anni. In ogni caso, l'attesa sarà ben ripagata.

Faq

Perché il mio seme di avocado non germoglia?

Le cause che possono portare un nocciolo di avocado a non germogliare sono molteplici ma la più comune è quella legata alla temperatura. Il seme di avocado, va tenuto al caldo e quando si rabbocca l'acqua nel contenitore in cui è posto, si deve fare attenzione che sia tiepida. Utilizzare acqua fredda, infatti, bloccherà il processo di germinazione del seme.

Perché il mio seme di avocado è marcito?

Se il tuo nostro seme di avocado invece di germogliare è marcito, probabilmente non l'abbiamo collocato correttamente in acqua oppure non abbiamo provveduto a liberarlo dai residui di polpa prima di provare a farlo germinare.

Quanto impiega un seme di avocado a germogliare?

La germinazione dei noccioli di avocado è molto lenta. Prima di vedere spuntare le prime foglioline dovremo attendere anche sei settimane.

Quando posso trapiantare in vaso una pianta di avocado nata da seme?

Il passaggio dall'acqua alla terra del seme di avocato germogliato, va fatto quando dopo che la giovane piantina ha subito la mozzatura del fusto e si è riempita di nuove foglie.

Quando posso trapiantare la mia pianta di avocado in giardino?

Quando la giovane pianta di avocado avrà raggiunto una ventina di centimetri di altezza, sarà possibile trapiantarla in giardino. Il trapianto va eseguito sempre all'inizio dell'estate.

Perché la mia pianta di avocado ha le foglie gialle?

La causa più comune che porta all'ingiallimento delle foglie dell'avocado è l'eccesso idrico. Irrigare di meno dovrebbe risolvere il problema.

Perché la mia pianta di avocado non fa frutti?

Una pianta di avocado nata da seme, impiega molti anni prima di fruttificare: da cinque a tredici.

Comments powered by CComment

Continua a leggere

L'annaffiatura del giacinto, correttamente praticata, è fondamentale per avere fiori belli e abbondanti. Un eccesso, in un senso o nell'altro, porterà a danneggiare i nostri giacinti. Vediamo allora come annaffiare il giacinto nel modo corretto.

Write comment (0 Comments)

Coltivare le pesche non è semplicissimo ma può regalare grandi soddisfazioni. Sicuramente, i frutti che potremo assaporare con una coltivazione casalinga, non hanno nulla a che fare con quelli che possiamo trovare sul mercato. Questi ultimi infatti, vengono raccolti con largo anticipo e il gusto ne risente. Vediamo allora come coltivare il pesco nel nostro giardino. Iniziamo!

Write comment (0 Comments)

Il pero è una pianta da frutto ampiamente coltivata su tutto il territorio nazionale e disponibile in molte varietà. Appartenente alla stessa famiglia botanica del melo, le rosacee, può essere facilmente coltivata senza l'utilizzo di pesticidi con metodi totalmente bio a patto di prestare attenzione a piccoli dettagli che possono fare la differenza. Vediamo allora come coltivare l'albero di pere nel nostro giardino. Iniziamo!

Write comment (0 Comments)

La gerbera, è una pianta perenne molto apprezzata per i suoi grandi fiori dai colori sgargianti simili alle margherite. Diffusa in Africa, Asia e Sudamerica, può essere coltivata anche alle nostre latitudini, a patto di seguire qualche piccolo accorgimento. Vediamo subito, allora, come coltivarla in giardino e in casa.

Write comment (0 Comments)

Con il termine margheritone, nel linguaggio comune, ci si riferisce, in genere, alle gerbere. Sebbene la forma del fiore ricordi molto una margherita di grandi dimensioni, le margheritone sono tutt'altra pianta. Molto apprezzata per i suoi bei fiori che vengono spesso utilizzati in composizioni floreali, la gerbera, viene ampiamente coltivata, sia in giardino e che in vaso.

Write comment (0 Comments)

Margherita arcobaleno, è il modo in cui, erroneamente, ci si riferisce a una particolare varietà di crisantemo, originaria dell'Asia. Molto ricercato per i suoi fiori particolari, è facilmente coltivabile, sia in giardino che in vaso.

Write comment (0 Comments)

Il pacciame, sia esso organico o di origine sintetica, è un valido alleato di ogni giardiniere. Una buona pacciamatura proteggerà il terreno dagli agenti atmosferici, ridurrà il dispendio idrico e manterrà a bada le erbe infestanti. Vediamo allora come pacciamare correttamente le nostre piante. Iniziamo!

Write comment (0 Comments)

Il pacciame di cacao è un sottoprodotto dell'industria del cioccolato. Le fave di cacao sono ricoperte di una buccia dura, non commestibile, che viene utilizzata, tra le altre cose, come materiale di pacciamatura. In questo articolo vediamo come e perché utilizzare il pacciame di cacao nel nostro giardino, analizzando pro e contro di questa scelta. Iniziamo!

Write comment (0 Comments)

La gardenia, è una pianta ornamentale ampiamente coltivata per le sue fioriture colorate ma che necessita di alcune piccole attenzioni, per crescere sana e forte. Una di queste è la pacciamatura. In questo articolo vediamo insieme come e con cosa pacciamare le nostre gardenie. Iniziamo!

Write comment (0 Comments)
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.